Prenota

Le stanze di Raffaello

    Le stanze di Raffaello

    Questo straordinario ciclo di affreschi è il massimo capolavoro di Raffaello Sanzio, ed è stato realizzato dal 1509 al 1520, anno della morte dell’artista. Il ciclo comprende quattro ambienti: 

    Stanza della Segnatura
    Un tempo sede del più alto tribunale della Santa Sede, la Segnatura Gratiae et Iustitiae, è dedicata alla celebrazione del sapere, quindi alla teologia, filosofia, poesia e legge. Memorabili gli affreschi nelle lunette, la Disputa del Sacramento, Virtù e la Legge,  Scuola di Atene, e Parnaso. 

    Stanza di Eliodoro
    Il tema della decorazione di questa Stanza nasce da una sconfitta militare. Nell’estate del 1511, il Pontefice torna a Roma dopo una guerra disastrosa contro i francesi. In un clima di pensante incertezza, Raffaello sceglie un tema decorativo che sottolinei la protezione di Dio concessa alla sua Chiesa in alcuni momenti della storia. I quattro episodi sono: la Cacciata di Eliodoro dal tempio, la Messa di Bolsena, la Liberazione di San Pietro, l’Incontro di Leone Magno con Attila. 

    Stanza dell’Incendio di Borgo
    Questa Stanza è l’ultima che testimonia l’intervento diretto di Raffaello. Il tema degli affreschi è la figura di papa Leone X, e dei suoi predecessori con lo stesso nome, Leone III e Leone IV, raccontata in quattro episodi: l’Incendio di Borgo, la Battaglia di Ostia, l’Incoronazione di Carlo Magno, il Giuramento di Leone III. 

    Sala di Costantino
    Questa Stanza venne commissionata a Raffaello da Leone X nel 1517, ma l’artista fece solo in tempo a preparare i cartoni, morendo nel 1520. Il tema è la vita di Costantino Magno e l’esaltazione della chiesa vittoriosa sul mondo pagano. I quattro episodi sono: Visione della croce, Battaglia di Costantino contro Massenzio, Battesimo di Costantino, Donazione di Roma.

    ARTESOLE S.r.l.
    Via Claudio Monteverdi, 16
    00198 ROMA
    P.IVA 07738821003

    OK

    Visitando questo sito, acconsente all'uso di cookie per fini comprendenti la pubblicità e l'analisi.
    Ulteriori informazioni